Le Tre Grandi Domande Del Copywriter

“Devi scrivere piú articoli…”

Tipica affermazione dei blogger principianti alla ricerca di traffico per i loro siti web…

se è vero che scrivendo piú articoli hai buone chance di incrementare le keywords posizionate su Google…

…Allo stesso tempo questo incremento di traffico non è detto che corrisponda a un incremento di vendite e clienti

Anzi!

QUASI MAI!

Se appartiene a questa cerchia di blogger che scrivono “come matti” per creare chissá quale impero o generare chissá quali vendite…

É molto probabile che sei sulla strada sbagliata e che stai sperperando il tuo preziosissimo tempo

Infatti scrivere molto porta traffico, porta lettori, VERO…Ma a questi lettori gli stai dando una RAGIONE PER SEGUIRTI, avere fiducia in te e comprare un qualche tuo prodotto?

Lascia che te lo dica io…

….Molto PROBABILMENTE NO

Se invece stai dando una BUONA  ragione ai tuoi lettori di seguirti, probabilmente SAI CHE COS’È il copyrighting e utilizzi le sue buone norme

Se appartieni alla “prima famiglia” di blogger cioè quelli di cui NON HANNO idea di cosa è il copyrighting..

NOn hai altra scelta

Leggi questo articolo per capire come scrivere correttamente, ridurre il tyuo Bounce Rate e intrattenere al meglio i tuoi lettori

 

CHE COSA È IL COPYRIGHTING? diritti di autore?!

Quella del copywriter è una gran bella professione.

Si lavora con le parole.

Anzi, potremmo dire che con le parole si costruisce. Si costruisce il desiderio delle persone di avere una certa cosa.

Ma con l’avvento di internet anche questo settore ha subito una metamorfosi strutturale.

I formati sono cambiati.

La gente presta poca attenzione alla cartellonistica stradale o agli inserti pubblicitari dei quotidiani, perché ogni cosa può essere decisa con calma a casa, davanti al computer.

Le attività di ricerca e di shopping si fanno su internet, e ciò che si legge sono le pagine web di presentazione di un prodotto, pagine con una molteplicità di informazioni, di vantaggi, di caratteristiche e di testimonianze dei consumatori.

Questa prima considerazione ci potrebbe far pensare che il lavoro del copywriter si sia semplicemente evoluto o ampliato in funzione dei nuovi bisogni di mercato. Ma la verità è un’altra.

L’ERA DIGITALE E IL GRANDE CAMBIAMENTO

Internet ha inaugurato la grande stagione dell’autopromozione, dell’autoproduzione, del fai-da-te.

Avviare un business online costa davvero pochissimo.

E tutti possono provarci, indipendentemente dalla preparazione e dal know how acquisito precedentemente.

Questo fenomeno ha dato vita a una serie di sottomercati rilevanti in cui anche il copywriting viene quasi sempre gestito in proprio.

I nuovi entrepreneurs online che possiedono un prodotto da vendere e un sito/blog su cui esibire l’offerta, cercano di arrangiarsi e di scrivere da sé le sales letter, magari scopiazzando qualche formula di apertura o cercando di carpire informazioni stilistiche e strategiche dal sito di altri.

E il bello è che in parte funziona, perché anche quando non si hanno le giuste conoscenze per scrivere ad arte, c’è sempre una quota di lettori chi va al di là delle parole a effetto e delle strategie del linguaggio, fino ad arrivare direttamente al nocciolo della questione, dimostrando che quando l’offerta vale, vale punto e basta.

Tuttavia, una cosa è scrivere e quindi avere qualche feedback positivo, un’altra cosa è scrivere in maniera persuasiva per raggiungere gli obiettivi di conversione.

Avere la padronanza delle tecniche e delle regole più importanti del copywriting significa avere gli strumenti per migliorare in modo scientifico l’efficacia dei testi e aumentare le vendite.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *